Profilo di DILMOS MILANO


Dilmos nasce nel 1980, come spazio espositivo di mobili

di design. La scelta dei pezzi si orienta verso gli oggetti più emblematici del design moderno affiancati a mobili prodotti da aziende che esprimono la contemporaneità

degli anni '80.
A quest'attività si affianca quella di spazio in cui si organizzano alcune mostre, questo porterà Dilmos

ad interagire sempre più direttamente col mondo del design, scegliendo di prima persona gli autori con cui collaborare ed i loro lavori.
Questo impegno nasce dalla crescente constatazione

del valore e del significato della poetica dell'oggetto. Un'interessamento profondo che porterà Dilmos

ad occuparsi essenzialmente di lavori la cui peculiarità é caratterizzata dalla forte carica comunicativa e narrativa.
A partire dal 1985, momento che viene a coincidere con una mostra dedicata ad Alessandro Mendini, le scelte della Dilmos si orientano sempre di più verso autori ed oggetti che esprimono pienamente questa filosofia, in cui ogni mobile diventa rappresentazione ed al tempo stesso oggetto di ricerca di un pensiero sempre più profondo dell'autore, veicolo di comunicazione e d'interazione col mondo.
Oggetto comunicativo, quindi, non unicamente funzionale, ma nemmeno oggetto-soggeto simbolico, totem muto della nostra società ipercomunicante, questa vuole essere la prerogativa della ricerca, sempre in azione, in discussione e superamento di se stessa, della Dilmos.
Gli oggetti presenti da Dilmos non possiedono una progettualità stilistica uniforme, la coerenza non si scopre nel segno degli autori ospitati in questi anni, ma nelle intenzioni, nella volontà comune di considerare i pezzi che animano una casa, uno spazio, come elementi che virtualmente ne accolgono il pensiero e che ne trasmettano, attraverso la loro alta capacità narrativa, le poetiche e le intenzioni.
I linguaggi degli autori sono quindi molteplici, poiché molteplici sono le gestualità ed i pensieri di ciascuno, ma non per questo incomunicabili. E' in questa logica che si sono dirette alcune esperienze che la Dilmos ha fatto lavorando proprio sull'intenzione di rendere tra loro comunicabili linguaggi e poetiche.

 

 

 

Profile of DILMOS MILANO

 

Dilmos was founded in 1980 as an exhibition space for high-end designer furniture featuring iconic modern objects along with the production of manufacturers at the forefront of contemporary design.

 

Within a few years a growing awareness for the intrinsic poetic value and significance of designed objects convinced Dilmos to shift its curatorial approach and to partner directly with artists and designers to produce exclusive objects with strong narrative qualities.

 

As such the Alessandro Mendini exhibition of 1985 paved the way for the many creative collaborations that have distinguished Dilmos’ 30 plus years of unique furniture designs.

 

Characteristic of Dilmos’ idiosyncratic output is a shared element in the nature of its designed works.

 

While they retain a functional identity these objects also operate as expressive vehicles for the individual designer’s own research and inner dialogue becoming a poetic means of communication with the external world.

 

Through the years Dilmos’ design philosophy has steered away from homogeneity of style fostering instead a passion for poetry and communication through the different idioms and thought processes belonging to the large family of its creative collaborators.

 

Looking ahead Dilmos’ aim is to continue in its collaborative efforts to challenge, nurture and grow its creative horizons.